Punti neri cosa sono e come si formano

Punti neri cosa sono e come si formano

viso uomo punti neriI punti neri sono un fastidioso problema, che si manifesta nella maggior parte delle persone. Nella maggior parte dei casi si sviluppano sulla pelle del naso, ma possono formarsi anche sul mento, sulla fronte, sulle tempie e in qualsiasi altra zona del viso. Le motivazioni per cui si formano sono varie, anche se la causa principale è un eccesso di sebo all’interno dei follicoli piliferi presenti sul viso. Il sebo si accumula e giunge fino all’esterno, dove l’ossigeno contenuto nell’aria si ossida, manifestando il classico colore nero o marrone. Insieme al sebo nei punti neri si annidano anche le cellule epiteliali morte e altri piccoli detriti, che possono diventare un perfetto terreno di coltura per i batteri, dando origine ai classici brufoletti.

Punti neri sul viso

Generalmente i punti neri sul viso sono presenti in modo particolare nella cosiddetta zona T, dove la pelle è di solito più spessa e leggermente più grassa. Le motivazioni che portano ad una iperproduzione di sebo sono vari. Si può infatti trattare di problematiche ormonali, ma anche di stress, alimentazione scorretta, eccessivo smog nell’aria, scarsa igiene. La gran parte dei soggetti che soffre di punti neri ha un’età adolescenziale; questo avviene perché in questo periodo della vita le variazioni ormonali sono molto forti e questo può stimolare la presenza di questo inestetismo. In particolare in giovane età i punti neri possono anche essere colonizzati dai batteri che causano l’acne. I punti neri sul viso si possono però presentare anche in altri momenti della vita, abitualmente o anche solo occasionalmente. Generalmente è impossibile debellare totalmente questo problema, conviene imparare a conviverci, cercando di contenerlo.

I punti neri di grandi dimensioni

Può capitare, occasionalmente, che si manifestino dei punti neri di grandi dimensioni, a volte anche in posizioni particolari, come ad esempio all’interno delle orecchie. Se tale fenomeno è del tutto saltuario, allora si tratta semplicemente di una questione correlata ad un eccesso di produzione di sebo, che si manifesta soprattutto in zone molto circoscritte. Se invece i punti neri molto grandi si presentano con grande regolarità, ad esempio ogni settimana, allora conviene valutare quali siano le problematiche che ne hanno procurato la comparsa. Spesso in questi casi le cause sono da ricercare nel cibo che si è consumato, o anche nello stress, nel tipo di abbigliamento che si indossa. Ad esempio l’utilizzo di indumenti sintetici per lungo tempo, soprattutto nei mesi estivi, può favorire l’insorgenza di punti neri anche sull’inguine, o all’interno coscia. In questi casi è lo sfregamento che porta al manifestarsi dell’inestetismo, che può essere correlato anche alla presenza di peli incarniti.

Punti neri sulla schiena

Se il luogo classico dove più spesso si manifestano i punti neri è il viso, può capitare che si sviluppino in qualsiasi parte del corpo, anche sulla schiena. Nella maggior parte dei casi i comedoni sulla schiena sono isolati, cosa che li mette in evidenza in modo ancora maggiore. La pelle del nostro corpo è ricoperta di ghiandole sebacee praticamente ovunque, anche sul torace e sulla schiena. Quando sono però i pori della schiena a manifestare la presenza di punti neri molto spesso si tratta di cause puramente meccaniche. Lo sfregamento degli indumenti sulla pelle infatti può portare ad irritarla, causando un’eccessiva produzione di sebo. Spesso questo sintomo si manifesta soprattutto durante i mesi estivi, o nel caso di sportivi. Chi pratica uno sport infatti assomma una serie di comportamenti che favoriscono il sebo in eccesso nei pori della schiena: indossa indumenti di materiale sintetico; fa molto movimento, che causa attrito sulla pelle irritandola; suda in abbondanza e fa molte docce, a volte con detergenti eccessivamente aggressivi.

Share